cass 29435-21

cass 29435-21

L’eccezione d’incompetenza dell’arbitro – salvo il caso di nullitĂ  della clausola compromissoria per vizio suo proprio e genetico relativo a una ipotesi di controversia non arbitrabile – è da considerarsi, coerentemente con la nuova accezione paragiurisdizionale dell’arbitrato rituale, quale eccezione di rito in senso stretto soggetta al limite temporale indicato dall’art. 817, co. 3, cod. proc. civ. per la parte che ha partecipato al relativo giudizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.