cass 19278-21

cass 19278-21

Nel procedimento arbitrale, l’esistenza di situazioni di incompatibilitĂ , idonee a compromettere l’imparzialitĂ  dei componenti del collegio, dev’essere fatta valere mediante istanza di ricusazione da proporsi, a norma dell’art. 815 cod. proc. civ., entro il termine perentorio di
dieci giorni dalla notificazione della nomina o dalla sopravvenuta
conoscenza della causa di ricusazione, restando, invece, irrilevanti, ai
fini della validitĂ  del lodo, le situazioni d’incompatibilitĂ  di cui la parte sia venuta a conoscenza dopo la decisione. Invero, tali situazioni, ove non si traducano in una incapacitĂ  assoluta all’esercizio della funzione arbitrale e, in genere, della funzione giudiziaria, non possono essere fatte valere neppure mediante l’impugnazione per nullitĂ , attesa l’ormai acquisita efficacia vincolante del lodo e la stessa lettera dell’art. 829, co. 1, n. 3, cod. proc. civ., che circoscrive l’incapacitĂ  ad essere arbitro alle ipotesi tassativamente previste dall’art. 812 cod. proc. civ. A fortiori tale situazione di pretesa incompatibilitĂ  non può essere dedotta nel giudizio per revocazione del lodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.