Riconoscimento di lodo straniero

La Corte di Cassazione si è recentemente pronunciata in una vicenda concernente il riconoscimento e l’esecuzione in Italia di un lodo pronunciato nello Stato della Città del Vaticano, respingendo le doglianze svolte dalla parte soccombente in arbitrato, ad avviso della quale, da un lato, la controversia decisa dagli arbitri non avrebbe potuto essere oggetto di compromesso e, dall’altro lato, il lodo avrebbe pure contenuto disposizioni contrarie all’ordine pubblico.

Un particolare profilo di interesse della pronuncia in parola è rappresentato dalla circostanza che essa, adottando un condivisibile approccio non formalistico, ha confermato la sentenza della Corte di Appello di Roma, che aveva dichiarato esecutivo il lodo vaticano nell’ambito di un procedimento “sbagliato”, ossia di un procedimento ex art. 67 l. 31 maggio 1995, n. 218 (che regola il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere), anziché ex art. 839 cod. proc. civ. (che invece regola il riconoscimento e l’esecuzione dei lodi stranieri).

La sentenza della Cassazione (Sez. I Civ., n. 16901 del 9 luglio / 19 agosto 2015) è disponibile qui.

Il lodo arbitrale era stato pronunciato il 17 dicembre 2007 e con esso era stato accertato che il contratto di locazione stipulato tra l’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme e l’Hotel Columbus s.r.l. sarebbe scaduto il 31 dicembre 2007, condannando quindi Hotel Columbus s.r.l. al rilascio dell’immobile e al pagamento delle spese di lite.

Il lodo aveva resistito alle impugnazioni promosse avanti il Tribunale di Prima Istanza e la Suprema Corte di Cassazione del Vaticano.

Come accennato, il riconoscimento in Italia del lodo in parola era stato richiesto dall’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme ai sensi dell’art. 67 l. n. 218/1995, anziché ai sensi dell’art. 839 cod. proc. civ. e, a fronte dell’eccezione della parte convenuta, la Corte di Appello di Roma aveva affermato che a suo avviso quella attivata era la procedura corretta, ritenendo in sostanza che il lodo fosse stato in  qualche modo assorbito dalla sentenza straniera che ne aveva affermato la legittimità (o, più precisamente, che aveva negato la fondatezza dei dedotti motivi di illegittimità).

Questo erroneo ragionamento della Corte di Appello ha offerto a Hotel Columbus s.r.l. un motivo di ricorso in cassazione; motivo che però è stato respinto dalla Suprema Corte.  Oggetto di riconoscimento in Italia è senz’altro il lodo e quindi il procedimento promosso in Italia (ex art. 67 l. n. 218/1995) non era quello corretto.  Ma, come ricorda la Cassazione, “la denuncia di vizi fondati sulla violazione di norme processuali non va vista in funzione autoreferenziale di tutela dell’interesse all’astratta regolarità dell’attività giudiziaria, ma garantisce, solo, l’eliminazione del pregiudizio subito dal diritto di difesa della parte per effetto della violazione denunciata“.  Ora, nel caso di specie, Hotel Columbus s.r.l. aveva conseguito dalla violazione processuale non un pregiudizio, bensì un vantaggio: era stato promosso infatti un procedimento (per l’appunto, quello ex art. 67 l. n. 218/1995) a contraddittorio immediato, quindi con il suo immediato coinvolgimento, anziché un procedimento (quello ex art. 839 cod. proc. civ.) a contraddittorio differito.  Non solo: in tale procedimento erano stati precisamente denunziati taluni tra i vizi che, ai sensi degli artt. 839 e 840, impediscono il riconoscimento in Italia del lodo straniero (e, nello specifico, la non compromettibilità della controversia e la contrarietà del lodo all’ordine pubblico).  La Suprema Corte ha quindi escluso “la sussistenza di alcun interesse difensivo di ordine sostanziale della ricorrente a far valere il vizio di procedura“.

La Cassazione ha pure ritenuto infondata la doglianza secondo la quale il lodo avrebbe pronunciato su controversia che non potrebbe formare oggetto di compromesso secondo la legge italiana.

Il lodo, come detto, era stato reso il 17 dicembre 2007 e aveva accertato che il contratto di locazione concluso tra le parti dell’arbitrato sarebbe scaduto il 31 dicembre 2007.  Ad avviso di Hotel Columbus s.r.l. il lodo avrebbe quindi pronunciato una convalida di licenza per finita locazione; pronuncia che però sarebbe riservata al solo giudice statale: di qui la sua doglianza in punto non compromettibilità della controversia.  Al riguardo, la Cassazione ha rilevato che la riserva di competenza del giudice statale “si giustifica limitatamente alla prima fase a cognizione sommaria, non sussistendo, invece, alcuna preclusione che, nella fase successiva, a cognizione piena, la causa sia decisa da arbitri, come nella specie è accaduto, tanto più in considerazione della natura giurisdizionale dell’arbitrato, quale delineata all’esito delle innovazioni di cui alla l. n. 25 del 1994 ed al d.lgs. n. 40 del 2006“.

Hotel Columbus s.r.l. lamenta poi una duplice violazione dell’ordine pubblico italiano: in particolare, dell’art. 79 della l. 27 luglio 1978, n. 392 (poiché la data del 31 dicembre 2007, accertata dagli arbitri quale termine del contratto di locazione, sarebbe stata invalidamente pattuita in un accordo transattivo concluso il 23 gennaio 1988, che escludeva la rinnovazione alla scadenza del contratto di locazione) e dell’art. 2 del d.l. 6 giugno 1956, n. 476, convertito in l. 25 luglio 1956, n. 786 (poiché il suddetto accordo transattivo avrebbe pure consentito l’esportazione di capitali all’estero in violazione della relativa disciplina).

Anche queste violazioni sono state ritenute insussistenti dalla Corte di Cassazione.

Quanto alla violazione dell’art. 79 della l. 392/1978, la Suprema Corte osserva che, in virtù dell’accordo transattivo del 1988, non si era creato un nuovo rapporto di locazione, ma si era invece concordata l’ultima proroga di un contratto già esistente (da un altro passo della sentenza, si apprende che il rapporto di locazione era iniziato nel 1958).

Quanto invece alla violazione dell’art. 2 del d.l. 476/1956, convertito in l. 786/1956, la Cassazione sottolinea che la Corte di Appello ha già “ritenuto insussistente la dedotta esportazione di capitali all’estero, in relazione agli elementi di fatto considerati, e tale valutazione è incensurabile in sede di legittimità“.

Va infine detto che, alla luce della motivazione della sentenza di Cassazione, pare che le doglianze di Hotel Columbus s.r.l. riguardassero la contrarietà all’ordine pubblico non tanto (o non solo) del lodo, bensì (a monte) del contratto oggetto di cognizione da parte degli arbitri (“La censura con cui si deduce la contrarietà all’ordine pubblico italiano (…) della pattuizione con cui era stata prevista la scadenza del 31.12.2007 della locazione (…)“).

I due profili tendono senz’altro a coincidere in punto violazione dell’art. 79 della l. 392/1978 (il lodo, accertando la scadenza del contratto di locazione, avrebbe dato attuazione a una intesa asseritamente contraria all’ordine pubblico, in quanto volta a precludere la rinnovazione alla prima scadenza del contratto di locazione).  Per quanto invece riguarda la violazione della normativa concernente l’esportazione all’estero di capitali, questa coincidenza pare rinvenirsi nella pretesa nullità dell’accordo transattivo del 1988; nullità le cui conseguenze (nella prospettazione di Hotel Columbus s.r.l.) sul contratto di locazione oggetto della cognizione del Tribunale arbitrale non sono però esplicitate nella motivazione della sentenza della Cassazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

COOKIE E PRIVACY POLICY
Le seguenti informazioni sono fornite ai sensi dell’art. 13 Regolamento UE 679/2018 (“GDPR”), agli utenti che usufruiscono dei servizi offerti dal sito web https://www.arbitratoinitalia.it (“Sito”). Durante la consultazione di quest’ultimo possono, infatti, essere raccolte informazioni relative agli utenti che costituiscono dati personali ai sensi del Codice Privacy. L’informativa è resa esclusivamente per il Sito e non riguarda eventuali altri siti raggiungibili dall’utente tramite i link presenti su quest’ultimo.
TITOLARE E RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO
Titolare del trattamento è Arbitration in Italy Ltd, società di diritto inglese registrata al n. 12459814, con sede in 61 Bridge Street, Kington, HR5 3DJ, UK (“Società”). Responsabile del trattamento è il legale rappresentante pro tempore della Società.
LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI
I trattamenti connessi ai servizi offerti dal Sito vengono effettuati presso la sede sopraindicata della Società e sono curati da personale interno, debitamente nominato incaricato del trattamento.
TIPI DI DATI TRATTATI
Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del Sito acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a soggetti identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di controllare il corretto funzionamento del Sito ed elaborare statistiche sul suo uso e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici ai danni del Sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web sono conservati per un periodo massimo di sette giorni.
Dati forniti volontariamente dall’utente
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati sul Sito e la compilazione dei “form” (maschere) specificamente predisposti, comportano la successiva acquisizione dell’indirizzo e-mail e degli eventuali altri dati personali inseriti nella comunicazione elettronica, nonché dei dati del mittente/utente, necessari per rispondere alle richieste o per erogare il servizio. Specifiche informative sintetiche verranno rese per particolari servizi.
COOKIE
I cookie sono stringhe di testo ("file dati") che alcuni siti web, mentre vengono visitati, possono inviare all'utente al fine di tracciare il suo percorso all'interno del sito e raccogliere dati in forma anonima, per migliorare l'offerta e la fruibilità del sito stesso. La Società non utilizza tecniche informatiche per l’acquisizione diretta di dati personali identificativi dell’utente. Non viene fatto uso di cookie per la trasmissione di informazioni di carattere personale, ovvero di sistemi per il tracciamento degli utenti. La Società utilizza c.d. cookie tecnici al solo fine di renderne possibile la navigazione sul Sito e consentire all’utente di utilizzarne le funzionalità. Alcuni cookie tecnici sono indispensabili per offrire un'ottimale esperienza di navigazione o per consentire all’utente di autenticarsi sul Sito, ad esempio per entrare in un area riservata (c.d. cookie di navigazione). I cookie di navigazione sono cookie di sessione e, pertanto, una volta chiuso il browser, vengono disattivati automaticamente. Per l’installazione di questi cookie non è necessario raccogliere il consenso dell’utente. La Società, inoltre, utilizza c.d. cookie analitici di terze parti che, permettendo di ottenere informazioni su come i visitatori interagiscono con i contenuti del Sito (pagine maggiormente visitate, tempo di navigazione, ecc.), forniscono utili statistiche che consentono di ottimizzarlo e di migliorare la navigazione sullo stesso.
FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI
Salvo quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i suoi dati personali nei moduli di richiesta o comunque di indicarli al fine di sollecitare l’invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il mancato conferimento dei dati personali può, tuttavia, comportare l’impossibilità di dare seguito alle richieste dell’utente.
MODALITA’ DEL TRATTAMENTO
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono state adottate per prevenire la perdita dei dati, gli usi illeciti o non corretti e gli accessi non autorizzati.
FINALITA’ DEL TRATTAMENTO - COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
I dati personali forniti dagli utenti che richiedono materiale informativo ovvero la prestazione di servizi sono utilizzati al solo fine di evadere tali richieste, e potranno essere conosciuti da dipendenti e collaboratori della Società, debitamente nominati incaricati del trattamento, nonché da soggetti terzi che prestano servizi accessori o strumentali all’attività della Società, nominati Responsabili del trattamento. Non verranno effettuate altre comunicazioni di dati a terzi, salvo in caso di richieste dell'Autorità Giudiziaria o di Pubblica Sicurezza. I dati raccolti non verranno in nessun caso diffusi.
DIRITTI DEGLI INTERESSATI
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno diritto, ai sensi degli articoli 12 e seguenti GDPR, di ottenere, in qualunque momento, la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati,di conoscerne il contenuto e l’origine, di verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione, l’aggiornamento, la rettificazione, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima, nonché di opporsi, in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte senza formalità all’indirizzo mail privacy@arbitratoinitalia.it.

Chiudi