cass 8092-21

Gli arbitri rituali, autorizzati a pronunciare secondo equitĂ  ai sensi dell’art. 822 cod. proc. civ., ben possono decidere secondo diritto allorchĂ© essi ritengano che diritto ed equitĂ  coincidano, senza che sia per essi necessario affermare e spiegare tale coincidenza, che può desumersi anche implicitamente dal complesso delle argomentazioni svolte a sostegno della decisione, potendosi configurare l’esistenza di un vizio riconducibile alla violazione dei limiti del compromesso solo quando gli arbitri neghino a priori la possibilitĂ  di avvalersi dei poteri equitativi loro conferiti [obiter].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.