cass 29346-21

cass 29346-21

L’impugnazione per nullitĂ  del lodo arbitrale deve essere notificata alla parte personalmente, non presso la persona che l’abbia difesa nel procedimento
arbitrale, ancorché cumulando in detta sede la veste di domiciliataria, mentre
resta al riguardo irrilevante che detto difensore sia un legale abilitato all’esercizio della professione, o sia anche munito di procura, sempre con elezione di domicilio, per la dichiarazione di esecutivitĂ  del lodo o per l’intimazione del precetto ed il promovimento dell’esecuzione forzata, potendo l’elezione di domicilio riguardare la notificazione dell’impugnazione per
nullitĂ  del lodo solo se contenuta nel compromesso o nella clausola compromissoria, in relazione alla riconducibilitĂ  di detta impugnazione al
rapporto od affare per il quale si è concordato il ricorso ad arbitri, non anche quando sia accessoria all’incarico difensivo per il procedimento arbitrale o per i successivi momenti dell’esecutivitĂ  ed esecuzione del lodo, atteso che, in queste ultime ipotesi, quella notificazione è atto estraneo ed esterno ai compiti del mandatario – domiciliatario, stante la diversificazione e la separazione del procedimento di formazione ed attuazione del lodo rispetto al giudizio rivolto a denunciarne la nullitĂ .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.